Continua il sogno del Santa Venerina: novanta minuti dalla gloria

Facebook
WhatsApp

Pochi a settembre si sarebbero immaginati questa classifica: Santa Venerina 59, Akron Giarre 59, Casalvecchio Siculo 58. Tre squadre in un punto e il Santa Venerina che, vincendo lo scontro diretto contro il Giarre, mette la freccia e vola al primo posto. Non è bastata la vittoria al Comunale di San Gregorio contro il Real Rocchenere alla squadra di Belluso per festeggiare la promozione perché, la contemporanea vittoria del Giarre contro il Riposto Calcio, vuol dire solo spareggio per il primo posto.
Novanta minuti di fuoco per decidere chi potrà già festeggiare e chi invece dovrà affrontare il cammino dei play-off. I ragazzi del Presidente Puglisi sono nella migliore condizione possibile per affrontare una partita così importante: Cantarero riscalda i guanti, capitan Siciliano è pronto a guidare la squadra mentre Furnò non vede l’ora di aumentare il numero di gol segnati in questa stagione. Un elogio bisogna farlo anche al Real Rocchenere che ha avuto la forza di reagire al 3-0 dei padroni di casa e che, da neopromossa, conclude il campionato in quinta posizione.

Andrea Furnò, uomo partita Santa Venerina

URAGANO SANTA VENERINA

Il Santa Venerina scende in campo con la voglia di chiudere il prima possibile la pratica così da poter far riposare alcuni giocatori e non rischiare eventuali ammonizioni o infortuni. Dopo appena cinque giri di orologio Siciliano manda sulla sinistra Garufi, il ventiquattro inserisce un pallone forte sul primo palo dove arriva per primo Lupo che da due passi sblocca il risultato.
Passano appena altri trenta secondi e Garufi riconquista un pallone sulla trequarti, pesca Furnò in area che a tu per tu con il portiere segna il suo undicesimo gol stagionale. L’uragano Santa Venerina si è scagliato contro il Real Rocchenere che prova a mutare il proprio assetto tattico. Capitan Briguglio si abbassa sulla fascia di destra mentre Caminiti si sposta da sinistra a destra e gioca in posizione più avanzata rispetto al proprio capitano. Il punto di riferimento degli ospiti è Amante che servito da Foti si rende pericoloso ma il suo tiro finisce poco largo. La posizione di Garufi sembra mettere in grossa difficoltà la difesa di Mangiò che più volte viene sorpresa dalla velocità del ventiquattro.
Al 25’ proprio l’esterno offensivo dei locali riceve sempre sulla sinistra e cerca bomber Furnò. L’attaccante va alla conclusione da posizione ravvicinata, Panarello sembra tenere la sfera ma il direttore Mola ritiene che il pallone ha oltrepassato interamente la linea di porta e quindi indica il centrocampo. Un inizio shock del Santa Venerina che già alla mezz’ora del primo tempo effettua dei cambi: dentro Muzzetta, Leotta e Ignoto mentre escono Papaserio, Zumbo e Furnò. Una scelta conservativa da parte di Belluso che non vuole rischiare i propri giocatori, il risultato sembra ormai acquisto.
Al 37’ però il Real Rocchenere batte un colpo grazie al proprio bomber Amante che prima protesta per un calcio di punizione al limite dell’area non fischiato. Poco dopo riceve e con il destro manda la sfera all’incrocio dei pali. Un gol capolavoro di Amante che ha abituato a reti del genere – non si da pace Cantarero che anche a fine primo tempo scuote la testa e ripensa al gran gol del dieci in maglia rosa.

Tifosi Santa Venerina

RITMI BASSI

Il ritmo della ripresa è molto più basso. Belluso chiede ai suoi ragazzi meno sufficienza e più concentrazione mentre il Real Rocchenere trova maggior palleggio, quello che era mancato nei primi quarantacinque minuti. I padroni di casa girano palla ma senza essere pericolosi mentre Fimognari in mezzo al campo prova a lanciare verso la porta Amante.
Garufi è sempre il più dinamico, partendo da sinistra è una spina nel fianco della difesa messinese. Il ventiquattro prova una nuova soluzione e crossa verso il secondo palo – Ignoto prova ad arrivare sulla sfera ma Briguglio smanaccia. A metà della seconda frazione di gioco il neoentrato Aloisi fa tutto da solo. Passa da destra e davanti a Di Giovanni accorcia il risultato, non può nulla l’estremo difensore di casa entrato poco prima al posto di Cantarero. Deve rimanere in partita il Santa Venerina che non vuole venire a conoscenza dei risultati dagli altri campi, categorico Belluso che – a chi prova ad aggiornarlo sui risultati – risponde:” Io penso a questa partita, non mi interessano le altre”. Nel finale squillo da parte di Grasso che impegna Panarello ma il numero dodici ospite risponde presente.

Giuseppe Amante, Real Rocchenere

IL TABELLINO

CALCIO SANTA VENERINA – REAL ROCCHENERE 3-2
RETI (3-0 , 3-2):
5’ Lupo (S), 6’ Furnò (S), 24’ Furnò (S), 36’ Amante (R), 24’ st Aloisi (R).
CALCIO SANTA VENERINA (4-3-3): Cantarero 7 (11’ st Di Giovanni 6.5), Filetti 7.5, Furnò 8 (37’ Ignoto 6.5), Siciliano 7.5, Lupo 7.5 (23’ st Grasso 6.5), Scandurra 7, Papaserio 7 (30’ Muzzetta 7), Zumbo 7.5 (30’ Leotta 7), Garufi 8, Cordova 7.5, Parisi 7. A disp. Cannizzo, Spina, Papaserio, Leonardi. All. Belluso 8.
REAL ROCCHENERE (4-4-2): Panarello 6 (1’ st Briguglio 6.5), Fimognari 7, Caldore 5.5, Sacca 6, Caminiti 5.5 (11’ st D’Amico 6), Santoro 5.5, Briguglio 6.5, Irrera 6, Brigante 6.5 (5’ st Alessandro 6), Amante 7.5 (5’ st Aloisi 7), Foti 6.5. A disp. Cutroneo. All. Mangiò 7.
ARBITRO: Mola di Acireale 7.

LE PAGELLE

CALCIO SANTA VENERINA

Santa Venerina


Cantarero 7
Ha vissuto una stagione da protagonista, le sue parate hanno più volte tenuto in piedi la squadra. Non può nulla sul gol di Amante anche se non gli va proprio giù aver subito quella rete.
11’ st Di Giovanni 6.5 Dal suo ingresso subisce un solo tiro ravvicinato da parte di Aloisi che lo supera. Non ha colpe – è un uomo spogliatoio.
Filetti 7.5 É il pilastro della fase difensiva, insieme a Zumbo sono insuperabili. Contro il Giarre ci vorrà una difesa di ferro.
Furnò 8 Ha una calamita che fa sì che ogni pallone arrivi sui suoi piedi. Destro o sinistro poco cambia, il bomber segna in ogni modo. Gli basta mezz’ora per firmare una doppietta e far rimanere in vetta il Santa Venerina.
37’ Ignoto 6.5 Nel secondo tempo riceve solo un pallone ma è bravo il portiere ad anticiparlo. Non ha altre occasioni ma dovrà tenersi pronto per un eventuale ingresso nello spareggio.
Siciliano 7.5 La fascia di sinistra è orfana di Filetti squalificato. Nessun problema, il capitano si piazza sulla sinistra e non fa passare nessuno. Avanza di meno rispetto a Filetti ma gioca una partita da leader.
Lupo 7.5 Il suo gol toglie tantissima pressione al Santa Venerina. É uno dei più pericolosi e riscatta qualche errore in casa del Casalvecchio. 
23’ st Grasso 6.5 Vuole la gloria e tenta di trovare la rete con un tiro da fuori area ma Briguglio gli sbarra la porta.
Scandurra 7 É il sorvegliato numero uno, dà l’impressione di potersi accendere da un momento all’altro. Si alterna con Lupo sulla fascia di destra, quanto lui rientra tocca al quattordici guidare le ripartenze.
Papaserio 7 É stato meno incisivo rispetto ad altre partite ma ha avuto a disposizione mezz’ora. Belluso sa quanto sia importante e non vuole rischiarlo.
30’ Muzzetta 7 Entrato con la giusta garra in campo. Insegue gli avversari, ruba palloni e lotta in tutti i contrasti.
Zumbo 7.5 É un muro sul campo. Ferma gli attaccanti avversari con grinta e determinazione, chi vuole imparare a difendere lo chiami.
30’ Leotta 7 Ha mantenuto l’asticella alta, oltre che difendere si occupa anche della costruzione.
Garufi 8 Non so quanti giocatori facciano tre assist in una partita, lui però li ha fatti. É vitale per il Santa Venerina, non c’è una partita in cui non è determinante. Ancora della squadra.
Cordova 7.5 Anche il suo allenatore ha sottolineato nell’intervista quanto sia importante per questa squadra. Ha recuperato tantissimi palloni ed ha fatto ripartire la squadra.
Parisi 7 É un classe ‘05 ma gioca con estrema tranquillità sulla fascia di destra. Frutto del duro lavoro ma anche della sicurezza che gli viene trasmessa dai compagni.
All. Belluso 8 Non bastano poche righe per descrivere il lavoro che ha fatto in quest’annata. Mai una parola fuori posto e tante scelte tattiche azzeccate. Se il sogno Santa Venerina continua è merito dei giocatori, della dirigenza ma soprattutto suo che ha trovato l’amalgama giusta. Ormai serve un solo pezzo per completare il puzzle Promozione.

REAL ROCCHENERE

Real Rocchenere


Panarello 6
Non ha colpe sui gol del Santa Venerina, la difesa non è stata perfetta nelle tre situazioni.
1’ st Briguglio 6.5 Non subisce nemmeno una rete e compie una bella parata sul tiro di Grasso.
Fimognari 7 In mezzo al campo ha messo tanta qualità, nella seconda frazione è stato tra i migliori in campo.
Caldore 5.5 La coppia di centrali è stata messa in grossa difficoltà da Furnò e compagni. Qualche movimento è da rivedere.
Sacca 6 Deve spingere un po’ di più, soprattutto nel primo tempo avrebbe potuto dare una mano al centrocampo.
Caminiti 5.5 Il suo approccio al match è stato negativo, due palloni persi e qualche chiusura sbagliata. Quando viene spostato sulla destra riesce a essere più incisivo.
11’ st D’Amico 6 Gioca una buona mezz’ora, non sfigura e aiuta la squadra.
Santoro 5.5 Stesso discorso che vale per Caldore. La fase difensiva nella prima parte di match è stata troppo distratta – colpa anche del centrocampo che non ha supportato.
Briguglio 6.5 Una partita ma due prestazioni differenti. Inizia sottotono ma pian piano accresce la sua prestazione.
Irrera 6 Troppa poca quantità in mezzo al campo, soprattutto nella prima parte di partita il centrocampo non ha retto.
Brigante 6.5 Gioca in posizione molto bassa, davanti la difesa. Prova a far girare il pallone ma i compagni si muovono poco.
5’ st Alessandro 6 Entrato con tanta voglia, giusta mentalità e buoni movimenti.
Amante 7.5 Il bomber classe ‘87 chiude in bellezza il campionato. Quella realizzata è una rete da attaccante puro che ha un rapporto viscerale con il gol. Anche in campo si nota la sua importanza in questo gruppo.
5’ st Aloisi 7 Appena è entrato in campo è cambiata la musica. Quando riceve il pallone sui piedi è molto pericoloso, basta guardare il gol per capire di che giocatore parliamo.
Foti 6.5 Si è mosso tanto ma non è stato servito dai compagni a dovere.
All. Mangiò 7 Non ha molto da chiedere al campionato, il Real Rocchenere ha superato le aspettative. Anche oggi i suoi ragazzi non hanno mollato e ci hanno provato fino alla fine. Bisogna fargli i complimenti.
ARBITRO
Mola di Acireale
7 C’è bisogno di un arbitro esperto come lui in una partita così importante. Fortunatamente i giocatori sono corretti in campo e non ha bisogno di usare cartellini.
Panarello 6
Non ha colpe sui gol del Santa Venerina, la difesa non è stata perfetta nelle tre situazioni.
1’ st Briguglio 6.5 Non subisce nemmeno una rete e compie una bella parata sul tiro di Grasso.
Fimognari 7 In mezzo al campo ha messo tanta qualità, nella seconda frazione è stato tra i migliori in campo.
Caldore 5.5 La coppia di centrali è stata messa in grossa difficoltà da Furnò e compagni. Qualche movimento è da rivedere.
Sacca 6 Deve spingere un po’ di più, soprattutto nel primo tempo avrebbe potuto dare una mano al centrocampo.
Caminiti 5.5 Il suo approccio al match è stato negativo, due palloni persi e qualche chiusura sbagliata. Quando viene spostato sulla destra riesce a essere più incisivo.
11’ st D’Amico 6 Gioca una buona mezz’ora, non sfigura e aiuta la squadra.
Santoro 5.5 Stesso discorso che vale per Caldore. La fase difensiva nella prima parte di match è stata troppo distratta – colpa anche del centrocampo che non ha supportato.
Briguglio 6.5 Una partita ma due prestazioni differenti. Inizia sottotono ma pian piano accresce la sua prestazione.
Irrera 6 Troppa poca quantità in mezzo al campo, soprattutto nella prima parte di partita il centrocampo non ha retto.
Brigante 6.5 Gioca in posizione molto bassa, davanti la difesa. Prova a far girare il pallone ma i compagni si muovono poco.
5’ st Alessandro 6 Entrato con tanta voglia, giusta mentalità e buoni movimenti.
Amante 7.5 Il bomber classe ‘87 chiude in bellezza il campionato. Quella realizzata è una rete da attaccante puro che ha un rapporto viscerale con il gol. Anche in campo si nota la sua importanza in questo gruppo.
5’ st Aloisi 7 Appena è entrato in campo è cambiata la musica. Quando riceve il pallone sui piedi è molto pericoloso, basta guardare il gol per capire di che giocatore parliamo.
Foti 6.5 Si è mosso tanto ma non è stato servito dai compagni a dovere.
All. Mangiò 7 Non ha molto da chiedere al campionato, il Real Rocchenere ha superato le aspettative. Anche oggi i suoi ragazzi non hanno mollato e ci hanno provato fino alla fine. Bisogna fargli i complimenti.
ARBITRO
Mola di Acireale
7 C’è bisogno di un arbitro esperto come lui in una partita così importante. Fortunatamente i giocatori sono corretti in campo e non ha bisogno di usare cartellini.

L’INTERVISTA

Fabrizio Belluso, allenatore Santa Venerina

A fine partita parla Fabrizio Belluso, allenatore del Santa Venerina:<< Giocheremo lo spareggio come tutte le altre partite, il nostro l’abbiamo fatto. Arrivare a questo punto é motivo di orgoglio perché i nostri competitor, vedi Giarre e Casalvecchio, erano due squadre attrezzate per il salto di categoria. Inizialmente volevamo migliorare il sesto posto dell’anno scorso, quando a dicembre abbiamo visto che la classifica era molto corta insieme ai dirigenti abbiamo deciso di mettere qualcosa in più e abbiamo inserito Cordova e Garufi che c’hanno fatto fare il salto di qualità>>. Infine ha detto:<< I nostri tifosi sono meravigliosi come sempre, sono stati sempre al nostro fianco. Spesso si sono fatti vedere anche in allenamento, la nostra comunità è piccola però sono numerosi i tifosi che ci seguono sempre. Sono stati sempre al nostro fianco, quindi il ringraziamento va in primis a loro>>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *