Un gol che poteva scrivere la storia: il Santa Venerina capolista interrompe la striscia di vittorie

Facebook
WhatsApp

Dopo tre vittorie consecutive e un primo posto conquistato si interrompe la striscia positiva del Santa Venerina del Presidente Puglisi. Un calendario proibitivo per i ragazzi di Belluso che hanno vinto il derby contro lo Zafferana, hanno vinto a Giardini Naxos, poi ha superato grazie ai gol di Scandurra e Papaserio l’Akron Giarre.
Ora uno stop, quello contro una delle migliori rose del campionato: il Casalvecchio Siculo. Il pubblico è quello delle grandi occasioni, quello che si vede in categorie superiori. Tutto esaurito al comunale di Santa Teresa di Riva e le due tifoserie, gemellate da molto tempo, che danno spettacolo e incitano i propri giocatori. Un pareggio giusto per quello che si è visto in campo. I padroni di casa nella prima parte di match hanno approcciato meglio poi però il Santa Venerina ha messo in campo tutta la sua qualità e nel finale si è reso più volte pericoloso.
Rimane tanta delusione per il gol annullato al gioiellino Scandurra, che lascia più di qualche dubbio sulla decisione del direttore di gara e che poteva cambiare la storia di questo campionato. Difficile trovare una classifica che lascia così tanti scenari aperti: Santa Venerina 56, Akron Giarre 56 e Casalvecchio Siculo 55. Nel prossimo turno Siciliano e compagni sfideranno il Real Rocchenere ormai sicuro della quinta posizione ma che avrebbe bisogno di vincere e sperare in un passo falso del Giarre per approdare ai playoff. Proprio il Giarre andrà a fare visita al Riposto Calcio che cerca disperatamente punti per allontanare lo spettro playout, infine il Casalecchio Siculo giocherà contro Città di Mascali che ha bisogno di punti per la zona salvezza. Un finale tutto da vivere e da raccontare, tre squadre in punto e chissà forse uno spareggio al cardiopalma per decidere chi salirà in Promozione.

Santa Venerina

PORTA SBARRATA

Nei primi minuti di gioco le due squadre si studiano, Belluso e Miuccio danno qualche indicazione ma cercano anche di scrutare il modo di giocare dell’altra squadra. La prima occasione è per i padroni di casa. Incursione da sinistra del dieci che tenta di sbloccare subito il match ma un ottimo intervento in uscita con i piedi di Cantarero tiene il risultato in parità. Il Casalvecchio si rende pericoloso con i calci da fermo. Nei primi venticinque minuti conquista ben sei calci d’angolo e mette alla prova le doti dell’estremo difensore classe ’02 Cantarero.
La squadra di Santa Teresa di Riva va ad un passo dal gol con Garufi ma la sua conclusione sbatte sulla traversa. Dopo una prima parte di match sottotono, il Santa Venerina prende le misure agli avversari e inizia a creare delle occasioni pericolose. Le solite ripartenze di Garufi e Lupo costringono la difesa casalinga a stare all’erta. La vera occasione nasce al 30′ dall’incursione di Cordova che va a botta sicura ma è brava la difesa avversaria a sventare il pericolo. La squadra ospite conquista sempre più campo e prova a sfruttare le palle da fermo ma in qualche modo la squadra di Miuccio riesce a salvarsi. Ben schierato il Santa Venerina che concede solo tiri dalla lunga distanza ai giallorossi, attento Cantarero che si dimostra ancora una volta uno dei migliori portieri della categoria.

QUANTE OCCASIONI

La prima occasione nella seconda frazione di gioco la crea Chirillo, già a quota otto reti in stagione, che tenta la conclusione da fuori area ma anche questa volta Cantarero risponde presente e concede solo calcio d’angolo. Al 15′ Vaccaro inserisce un cross da sinistra che finisce dalle parti di D’Amico. Il bomber della squadra messinese però non è abbastanza cinico e non centra la porta. Da questo momento in poi il Santa Venerina aumenta i giri nel motore, vuole a tutti i costi la vittoria.
Garufi viene lanciato verso la porta avversaria, entra in area ma a tu per tu con l’estremo difensore non riesce a piazzare e si fa respinge il tiro. Al 23′ è Cordova a rendersi pericoloso su punizione, c’è bisogno di un grande intervento del portiere del Casalvecchio con l’ausilio della traversa per negare la gioia al centrocampista ospite. Continua il pressing del Santa Venerina, il giovane Scandurra subentrato da poco in campo non riesce ad impattare la sfera sugli sviluppi di un angolo. Il pallone rimane in area di rigore e finisce nei piedi di Lupo che da buona posizione colpisce la sagoma del portiere. Altra grande occasione per il Santa Venerina, che crea tanto ma non riesce a sbloccare il risultato.

L’EPISODIO

I due allenatori effettuano dei cambi, c’è bisogno di forze fresche per l’ultima parte del match che potrebbe cambiare il destino del campionato. Il Casalvecchio si sbilancia in avanti e presta il fianco alle ripartenze avversarie, Papaserio prova a sfruttare lo spazio e dopo aver guardato la porta fa partire il destro ma finisce alto sopra la traversa. Il Casalvecchio prova il tutto per tutto ma il Santa Venerina sembra avere il pallino del gioco.
Al 92′ però c’è un momento decisivo che potrebbe cambiare le sorti del campionato. Dopo un’azione tutta di prima, Scandurra si ritrova a tu per tu con il portiere locale. Stop, pallone davanti a sé, uno sguardo e tiro verso il secondo palo – la sfera si insacca sulla destra a fil di palo. Finale perfetto per il Santa Venerina, anzi no. Il direttore Carnemolla di Ragusa dopo aver in un primo momento fatto proseguire l’azione ha, dopo che il pallone si è insaccato in rete, annullato il gol di Scandurra per posizione di offside. Una scelta che lascia molti dubbi visto che la posizione dell’ex Roma sembrava regolare ma soprattutto lascia l’amaro in bocca agli uomini di Belluso. Quest’ultimi, abituati a non mollare mai, provano nel finale a trovare un’altra rete ma anche questa volta Lupo non riesce a concretizzare l’occasione nata sull’asse Muzzetta – Siciliano – Furnò.

Lorenzo Scandurra, Santa Venerina

LE INTERVISTE

Queste le parole nel post partita dell’allenatore del Santa Venerina Fabrizio Belluso:<<Questa è stata una partita durissima, sapevamo che avremmo incontrato una delle squadre candidate a fare da battistrada in questo girone insieme all’Akron Giarre. Loro hanno approcciato meglio la partita anche perché avevano un solo risultato a disposizione se volevano ambire alla vittoria del campionato. Mentre noi con il pareggio ci saremmo assicurati uno spareggio con il Giarre. Nei primi venticinque minuti si sono resi molto pericolosi; è stato bravo il nostro portiere ma abbiamo sofferto troppo sulle palle da fermo e bisogna dare merito al Casalvecchio>>.
Poi ha continuato spiegando:<<Pian piano siamo cresciuti e nel secondo tempo abbiamo giocato bene seppur abbiamo concesso qualche palla gol. Posso dire che il secondo tempo è stato di marca Santa Venerina, abbiamo creato tanto e abbiamo sbagliato tanto; il loro portiere è stato bravissimo. Abbiamo trovato anche la rete ma un fuorigioco, che ha visto solo il direttore di gara, ci ha penalizzati. Prendiamo per buono il risultato del campo, evidentemente nessuno delle due squadre avrebbe meritato la vittoria. Faccio i complimenti al Casalvecchio, alla società ed ai tifosi perché si sono dimostrati avversari di gran valore. Noi, come sempre, abbiamo messo il cuore in campo ed aver finito in crescendo mi fa ben sperare. Vedremo come finirà questo campionato e ci faremo trovare pronti per un eventuale spareggio, vogliamo regalare questo sogno alla nostra comunità ed ai nostri tifosi>>.
A fine partita ha parlato anche il giocatore del Santa Venerina Giuseppe Garufi che ha dichiarato:<<La partita è stata combattuta e leale, siamo due squadre ben attrezzate. Nei primi minuti il Casalvecchio ha provato a farci male ma noi l’avevamo preparata bene e dobbiamo ringraziare anche il nostro portiere che ha fatto delle parate determinante. Ritengo che il pareggio sia il risultato giusto; avevamo trovato anche la rete ma il direttore di gara ha fischiato fuorigioco. A fine partita ho chiesto all’arbitro se per lui fosse veramente fuorigioco. Lui mi ha risposto “spero di si“, quindi non era nemmeno certo che lo fosse. Comunque non vogliamo alibi, se è finita in pareggio significa che è giusto cosi. Qualcuno ha detto che meritava la vittoria il Casalvecchio, per quello che ho visto posso dire che il pareggio è il risultato corretto>>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *